La volontà debole: da cosa dipende e come rafforzarla



Avatar di Andrea Giuliodori

di Andrea Giuliodori

aggiornato il 7 Ottobre 2019

Home » Abitudini

In questo articolo, scritto a quattro mani col Dott. Andrea Fiorenza, vedremo come la nostra volontà diventa debole e da dove dobbiamo ripartire per rafforzarla.

volontà debole

“Vedo il bene e lo approvo, e seguo il male.”

Ovidio (Metamorfosi).

Avere una volontà debole ci priva della possibilità di raggiungere i nostri obiettivi e realizzare i nostri sogni.

Scopriamo insieme i meccanismi psicologici che ci portano a sviluppare una volontà debole e come evitarli.

Prima di parlartene però, lascia che ti presenti il Dott. Andrea Fiorenza.

Ti presento il Dott. Andrea Fiorenza

Andrea Fiorenza

Il Dott. Fiorenza è attualmente Partner di una nota Società di Consulenza HR e Professore presso l’Università di Barcellona.

Ha alle spalle una carriera trentennale come Psicoterapeuta, ha insegnato per molti anni in Scuole di Specializzazione Post-Universitarie ed è Autore di numerose pubblicazioni di psicologia tradotte anche in altre lingue.

Durante la sua esperienza clinica ha approfondito in particolare modo il tema dei comportamenti abitudinari, aiutando decine di suoi clienti ad adottare abitudini migliori (attività fisica, dieta, etc.) o a liberarsi da vere e proprie dipendenze (fumo, alcol, droga, etc.)

Per questo motivo, negli ultimi 18 mesi, ho scelto di avvalermi della consulenza del Dott. Fiorenza per lo sviluppo del nuovo corso avanzato di EfficaceMente dedicato proprio al tema alle abitudini: il Protocollo C.H.A.N.G.E..

Nello specifico abbiamo acquisito dal Dott. Fiorenza la possibilità di utilizzare in esclusiva all’interno del nuovo corso un’originale protocollo d’intervento in 6 stadi, in grado di assicurare un cambiamento di abitudini naturale, radicale e permanente.

Per questo articolo ho chiesto al Dott. Fiorenza di spiegarci il concetto di volontà debole, il modo in cui essa influenza profondamente i nostri comportamenti, e cosa possiamo fare per rafforzarla.

Passo la parola al Dott. Fiorenza. Buona lettura.

Perché non riesci a rispettare i tuoi buoni propositi

Ti è mai capitato di decidere di fare una dieta, dell’attività fisica o altro, sapendo che è giusto e corretto farlo, ma finendo col fare esattamente il contrario?

Ti sei mai chiesto da cosa può dipendere?

  • Magari è colpa delle tentazioni. T’imponi di ripetere la lezione di quel corso di inglese che stai seguendo, ma l’idea di guardare una puntata della tua serie preferita su Netflix è molto più allettante. “Salto soltanto oggi, lo giuro! Da domani comincio a studiare seriamente…” ti dici, mentre accendi la TV.
  • O forse è colpa della tua inosservanza per le regole e per le prescrizioni. Il medico ti ha invitato a fare più movimento, ma non ci riesci proprio e rimandi di continuo.

Le troppe serie su Netflix, le uscite con gli amici, il divano al posto degli allenamenti: tutto sembra avere la meglio sui tuoi buoni propositi e instaurare abitudini utili ti diventa impossibile.

Disorientato e confuso ti convinci che forse non hai veri obiettivi, o che non siano effettivamente desiderati, o peggio ancora che ci sia qualcosa in te che non funziona: senti di non avere carattere, di non avere personalità.

Ma non è così.

I tuoi obiettivi sono corretti e tu non hai nulla che non vada… se non il fatto che cedi quando dovresti resistere, contribuendo così a indebolire la tua forza di volontà che, via via che diventa sempre più debole, ti costringe a cedere ancora di più.

Ma perché questo accade?

La svalutazione del futuro

profiteroles

Immagina di essere seduto al ristorante: per la tua salute (hai messo su diversi chili negli ultimi tempi) hai deciso di fare a meno del dolce, così, quando arriva il cameriere riesci a non ordinarlo.

Ma quando sei sul punto di chiedere un caffè, passa il carrello con i dolci e di colpo cambi decisione.

“Una porzione di profiteroles, grazie… Ah, scusi, anche quel pezzo di tiramisù rimasto solo soletto”.

…e soccombi alla tentazione, senza pudore.

Mangi e godi, e poi piangi.

Quando la gratificazione biochimica è ormai lontana e senti lo stomaco gonfio come una cornamusa, ti penti. E mentre fai il calcolo delle calorie con la tua nuova app, ti dici che questa è stata l’ultima volta, che è arrivato il momento di cambiare vita (da domani però).

Ma intanto sei lì, sprofondato sul divano, e ti chiedi cosa sia accaduto, perché il carrello dei dolci ha avuto la meglio sui pericoli per la tua salute?

La risposta è semplice.

Il carrello dei dolci è qui nel presente, mentre i rischi per la tua salute sono lì, lontani, nel futuro.

Ti ripeti che…

“non è poi detto che mi debba per forza succedere qualcosa con qualche chilo in più”.

I rischi sono molto lontani, come vedi, impalpabili, difficili da vedere a occhio nudo, e inoltre non hanno il fascino luminoso di quelle palline ricoperte di cioccolato che dal carrello dei dolci ti ammaliano come le sirene di Ulisse.

Quanto avvenuto nella tua mente, davanti al carrello dei dolci, prende il nome di svalutazione del futuro.

Svalutare il futuro significa che gli effetti positivi, che sono però lontani nel tempo (arrivare alla vecchiaia in buona salute), entrano solo parzialmente nelle decisioni presenti.

Eppure, la svalutazione, o negazione, del futuro è soltanto la prima parte del problema…

Volontà ipotrofica ed ipertrofica

volonta ipotrofica

Se vai in palestra e ti alleni seriamente i tuoi muscoli diventano ipertrofici, si gonfiano conferendoti maggior forza, ma se non ci vai, con il tempo diventano ipotrofici, e anche alzarti dalla sedia diventa un problema.

Lo stesso accade alla nostra volontà, che come un muscolo mentale è sensibile all’allenamento: diventa ipertrofica se l’alleni, ipotrofica se non la fai lavorare.

Un semplice esempio.

Ti dici: “Domani vado a correre”, ma l’indomani, eviti e rimandi, ricorrendo ad autoinganni più o meno raffinati (troppo vento, troppo caldo, troppa gente…). E il giorno successivo rimandi ancora, e poi ancora, accumulando settimane e mesi di apatia e riluttanza, fino a rinunciare del tutto.

Le tue gambe perdono tono e i chili si accumulano, ma non è il solo danno, è soltanto quello più evidente.

Il danno più importante, e pericoloso, è ciò che si produce nel tuo mondo interiore, ogni volta che cedi e rimandi.

La tua volontà s’indebolisce, come le tue gambe diventa ipotrofica, e la tua autostima ne risente, rimandandoti un’immagine di te sconsolante che ti abbatte e ti deprime.

Ma non è finita, anche la tua soglia di tolleranza s’indebolisce, spingendoti a cedere anche davanti alle tentazioni più piccole, quelle a cui un tempo riuscivi a resistere.

L’effetto di questo circolo vizioso, spesso, è l’ansia che ti assale quando, ormai con una volontà ipotrofica e una soglia di tolleranza bassissima, cerchi di riprendere, invano, il controllo della tua vita.

E fallimento dopo fallimento arrivi a pensare ciò a cui non bisognerebbe mai pensare:

“So che fallirò anche questa volta, perché dunque continuare a sforzarmi?”

Da dove ripartire?

abitudini

Prendere consapevolezza degli inganni della nostra mente (es. la svalutazione del futuro) è sicuramente il primo passo per rispettare i nostri propositi e per formare buone abitudini.

Ma se desideriamo cambiare radicalmente il corso della nostra vita, dobbiamo fare un vero e proprio “salto mentale“, imparando a vedere le abitudini come il campo di addestramento per la nostra volontà.

Così, andare a correre al mattino, ad esempio, non sarà più un semplice modo per rimetterti in forma, ma lo strumento per rendere la tua volontà ipertrofica, per alzare la tua soglia di tolleranza e per rafforzare la tua autostima.

Questo nuovo atteggiamento mentale ti darà, da una parte, i benefici delle singole buone abitudini che formerai, e, dall’altra, ti consentirà di sviluppare una volontà forte che ti farà sentire forte e inattaccabile dalle tentazioni.

…Il carrello dei dolci, allora, sarà lì, davanti a te, piccolo e sfuocato rispetto alla nuova immagine che stai costruendo di te, un’immagine di una persona che non cede come un debole all’ennesima tentazione, ma domina la propria vita e le proprie circostanze con un muscolo della volontà che ogni giorno diventa più grande e definito.

Tempo di iniziare il tuo addestramento…

protocollo change

Ringrazio il Dott. Fiorenza per questo approfondimento sulle trappole mentali che ci portano ad avere una volontà debole, rendendoci incapaci di rispettare i nostri buoni propositi e, in ultima analisi, portandoci a creare un’immagine negativa di noi stessi.

Ma ringrazio il Dott. Fiorenza soprattutto per aver messo a disposizione dei lettori di EfficaceMente il protocollo d’intervento di sua ideazione, che rappresenta l’ossatura del nostro nuovo video-corso avanzato.

Se sei pronto ad iniziare il tuo addestramento, a sviluppare una volontà ipertrofica e creare una nuova immagine di te, più forte e inattaccabile, il Protocollo C.H.A.N.G.E. ti fornirà un metodo rivoluzionario per cambiare abitudini in modo naturale, radicale e permanente.

Oggi, 7 ottobre, alle 7 del mattino, abbiamo ufficialmente aperto le iscrizioni al video-corso. Sono disponibili un totale di 500 posti. Scopri tutti i dettagli di questo nuovo progetto, clicca il pulsante arancione qui sotto:

SCOPRI CHANGE 》

Buona settimana.

Andrea Giuliodori.



Source link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close